Aneddoti e tradizioni a Termini Imerese: eventi spaventosi nel monastero di San Pietro

Nuovo appuntamento con la cultura, gli aneddoti e la tradizione alla  società operaia “Paolo Balsamo” di Termini Imerese, il prossimo sabato 18 novembre, alle ore 17, nei locali del sodalizio in piazza Duomo, con il racconto di Aldo Bacino su un tema che da tempo incuriosisce i termitani e non solo: “Fantasmi, apparizioni ed esorcisti nel monastero di San Pietro di Termini Imerese”.

Si tratta del secondo appuntamento alla Società Paolo Balsamo. Dopo il primo il cui tema riguardava le epidemie di Colera del 1837 con 1900 morti.

La storia la annuncia lo stesso Aldo Bacino, storico appassionato delle tradizioni termitane, che su Facebook fa una piccola anticipazione: “Il prossimo sabato nel Salone di rappresentanza della società che organizza e concorda gli appuntamenti culturali, parlerò di uno spaventoso evento durato quasi due anni accaduto nel Monastero di San Pietro a Termini Imerese. In questo “ritiro” di donzelle, circa 60 novizie e suore furono costrette a lasciare il Monastero a causa di una infestazione di spiriti che terrorizzavano le povere donne, alcune delle quali venivano molestate nei letti. Racconterò pure di alcuni cittadini che armati di spade ed archibugi si rinchiusero nel monastero per “uccidere” quel mostro spaventoso che si manifestava come una orribile testa di vecchia circondata da mani.

Le povere donne vennero trasferite in San Francesco di Assisi di Termini Imerese, ma pure in questo luogo sacro venivano importunate e nel frattempo tanti sacerdoti chiamati pure da altri luoghi procedevano a lunghi esorcismi per scacciare gli spettri. Cercherò di dare una spiegazione degli eventi attribuendoli ad Isteria collettiva provocata da un allucinogeno e alla possibile presenza di qualche “maschietto” che nottetempo scalava le mura del Monastero per molestare le poverine. Vi prometto che non vi annoierete e che non tratterò di noiosi testi scientifici come ho dovuto fare la volta scorsa parlando del Colera, userò per copione il testo manoscritto di un Sacerdote presente all’evento ed essendo lui il solo abilitato e con patente di esorcista, finalmente dopo due anni riuscirà a far scomparire i fantasmi del Monastero. Ovviamente anche Nando Cimino sarà dei nostri con le sue antiche tradizioni siciliane. Tutti invitati”.