Torna la mensa sociale a Termini Imerese e ha una nuova sede: un sogno che diventa realtà grazie all’Ipumm

Torna la mensa sociale a Termini Imerese. Si realizza un sogno per i volontari dell’Ipumm, guidati dal presidente Sebastiano Di Majo, che dopo anni di impegno responsabile e sacrifici, finalmente hanno una nuova sede dove poter rendere un servizio e regalare momenti di svago ai meno fortunati della città.

La nuova sede si trova in via Giuseppe Romano Battaglia, nei locali della “Casa del volontariato”, recentemente inaugurata al fine di  creare una comunità basata sulla solidarietà, la cooperazione e il rispetto. Le associazioni mettono a disposizione gli spazi per gli altri sodalizi della città che desiderano farne richiesta per lo svolgimento delle attività a scopo sociale.

Dopo un lungo e complesso iter burocratico, nei locali dell’ex asilo nido comunale, è nata, su spinta del presidente Mimmo Tavolanti, la sede della Casa del volontariato” che ospiterà anche l’Ipumm e ha già messo a disposizione i locali cucina, al momento in manutenzione. Per questo motivo, il primo pranzo nella nuova sede è stato servito con pasti già pronti, realizzati da una nota ditta termitana.

L’ Ipumm (insieme per un mondo migliore) è un progetto, ideato a Termini Imerese dall’instancabile Sebastiano Di Majo e dal suo tenace gruppo di volontari, mirato alla realizzazione di un centro sociale fornito di mense, per donare alle persone che hanno necessità, dei pasti caldi ed anche per creare un centro d’ascolto. Per i volontari ieri (domenica 19 novembre) è stato un giorno di festa: in tantissimi, pieni di entusiasmo e voglia di regalare un sorriso, hanno partecipato alla prima mensa, ognuno con un compito preciso. Oltre 80 pasti sono stati donati, alcuni sono stati consegnati direttamente a domicilio, in particolare per coloro che non sono nelle condizioni di spostarsi da casa per problemi di salute.

La mensa non è soltanto un luogo dove andare a consumare un pasto, ma anche uno spazio dove potersi incontrare, dove socializzare, dove trascorrere una domenica di svago. E’ questo l’obiettivo che si prefigge l’Ipumm: creare un luogo di aggregazione, in cui con piccoli gesti ci si può sentire meno soli. 

Sebastiano Di Majo

“Un sentito ringraziamento va a tutti i volontari che da anni collaborano per realizzare questo importante progetto – ha affermato il presidente dell’Ipumm Sebastiano Di Majo -. Sono loro la nostra grande forza. Un plauso va anche al presidente della “Casa del volontariato”, Mimmo Tavolanti, che da anni è al nostro fianco e ci sostiene ed alle numerose associazioni presenti sul territorio che hanno contribuito, sia con la ricerca fondi sia con la loro presenza nei giorni degli incontri con i meno fortunati. Sono tante le iniziative che abbiamo in cantiere, così come sono ancora tanti i lavori da fare per sistemare i locali e le cucine e riuscire a preparare noi i pasti in modo da abbattere i costi e promuovere, così, questa iniziativa non soltanto una volta al mese”. 

Il progetto portato avanti dall’Ipumm è nato nel 2013, con l’aiuto del gruppo Scout di Termini Imerese. La sede era nell’ex mercato ittico di Termini Imerese, su gentile concessione e collaborazione dell’associazione Anteas.

A loro si sono uniti semplici cittadini ed anche alcune associazioni del territorio.  Il gruppo di volontari si occupa non soltanto della cucina, ma anche della ricerca fondi. Nei prossimi giorni saranno resi noti gli eventi in programma che saranno realizzati nella sede della “Casa del volontariato”, i cui ricavati saranno interamente devoluti alla mensa sociale.