“Divoti”, la poesia del termitano Di Gaetano racconta l’uscita dell’Immacolata dal Duomo di Termini Imerese

DIVOTI 

O Maronna “mmaculata  

C’a matrici si sarvata, 

rintra quattru vitra misa 

sempri “bona è la to “ntisa. 

Pi putiri poi aiutari  

Tutti quanti li cridenti, 

Ca si vennu a cunfissari 

Senza s’ammucciari nenti. 

Chi gran festa quannu nesci 

Tanta genti aspetta fora, 

Ci su chiddi “mpellicciati 

E ci sù chiddi “ntrusciati. 

Ci su puru miricani  

Ca nasceru Tirminisi, 

ca ti vinniru a priari  

e talìari poi u paisi. 

Tutti “cca  

Divoti a “ttia , 

GRANNI VERGINI  

MARIA. 

Quasi da sempre in occasione dell’uscita dell’immacolata con la chiesa gremita, tanta gente aspettava fuori il momento. Grande sfoggio di pellicce per i più ambienti, alla meno peggio tant’altri; in questa ricorrenza molti Termitani trapiantati in America tornavano per la devozione verso la Madonna, per riabbracciare parenti ed amici e per rivedere il loro amato paese natio.