Termini Imerese: collocati i due defribrillatori acquistati con il ricavato della lotteria “Save the Carnival 2017”

Sono stati collocati oggi i due defibrillatori (DAE) che la Pro Loco di Termini Imerese, il comitato #SaveTheCarnival, la Società del Carnevale ed il Cerimoniere dei Nanni, hanno donato alla comunità di Termini Imerese. I defibrillatori, acquistati con il ricavo dalla lotteria “Save the Carnival 2017” e alle donazioni spontanee dei cittadini, sono stati installati stamattina uno nella parte alta della Città, in piazza Umberto I ed uno nella parte bassa, nel corso Umberto e Margherita, alla presenza del sindaco, avvocato Francesco Giunta.

Le parole del Presidente della Pro Loco

“Anche quest’anno ci siamo attivati per riuscire a reperire i fondi necessari per la realizzazione del Carnevale 2018 che, come per la passata edizione, sarà interamente autofinanziato attraverso le sponsorizzazioni e una Lotteria a premi”,  ha affermato il presidente della Pro Loco, Joseph Vincent Algeri Rinella. Per poi continuare: L’amministrazione comunale fin da subito ci ha dato tutto il sostegno necessario nel promuovere l’iniziativa, al fine di sensibilizzare le aziende a partecipare all’evento che ogni anno porta decine di migliaia di visitatori a Termini Imerese”.

Il Sindaco

“Vorrei ringraziare tutti i cittadini e le associazione che, con il loro impegno, hanno permesso di realizzare il Carnevale e che hanno rinnovato la loro disponibilità anche per il 2018.  

Un ringraziamento speciale va poi ai maestri cartapestai carristi e ai loro collaboratori che, sacrificando energie e risorse, già da qualche tempo hanno cominciato a lavorare sui carri allegorici. Le loro creazioni torneranno a stupire grandi e bambini e coloreranno le strade di Termini Imerese, 

Buone speranze per il futuro

Sempre il Sindaco ha poi continuato dichiarando: “Siamo fiduciosi del fatto che, anche per il 2018, le famiglie, i ragazzi, i giovani, le associazioni, attraverso l’acquisto dei biglietti della Lotteria, possano ancora una volta darci una mano nella realizzazione di uno dei Carnevali più antichi d’Italia, patrimonio storico e culturale della nostra città”.