Termini Imerese, a 13 anni dalla morte ricordiamo il vigile urbano Masino Profita

Sono passati 13 anni dalla scomparsa dell’ex vigile urbano termitano, Tommaso Profita, conosciuto dai colleghi come “Don Masino”. Si è spento il 9 gennaio 2005, all’età di 83 anni, dei quali gli ultimi dieci anni li ha trascorsi chiusi nella propria casa, a causa della malattia. Era un uomo che con le sue buone maniere e nonostante gli ultimi anni di sofferenza ha sempre tenuto unita la sua famiglia, mostrandosi un buon padre e buon marito. Da molti era chiamato “il vigile buono” perché sapeva mostrare un grande rispetto verso la comunità e gli automobilisti. Infatti evitava, se non in casi di forza maggiore, di fare le multe per qualche infrazione da loro commessa.

Le parole del figlio Giuseppe Profita

Il figlio, Giuseppe Profita, presidente dell’associazione Casartigiani, lo ricorda così:  “A chi gli chiedeva il perchè di tanta bontà verso i cittadini e gli automobilisti, papà diceva: ricordati che un vigile urbano rappresenta il biglietto da visita della propria città . Voglio ringraziare di vero cuore – aggiunge Giuseppe Profita  –  tutti i vigili urbani di Termini Imerese che sono stati vicini alla mia famiglia accompagnando “il vigile buono ” nel suo ultimo viaggio.  Durante il lavoro il papà aveva un debole per i pedoni, principalmente per i bambini e gli anziani, per i quali per veemenza bloccava subito il traffico, pur di farli attraversare serenamente, accompagnandoli sempre con un sorriso. Quel sorriso dolce che ha accompagnato lui quando è spirato abbandonando serenamente le fatiche della terra”.

Il testo è stato estrapolato da un articolo pubblicato dal giornale “L’espresso termitano”.