Ex Fiat Termini Imerese, salta il tavolo tecnico alla Blutec, la posizione di Fratelli d’Italia

Alla dura reazione del sindaco di Termini Imerese, Francesco Giunta, si associa quella del gruppo di Fratelli d’Italia di Termini Imerese contro la decisione del Ministero dello Sviluppo Economico di rinviare ulteriormente l’incontro su vertenza ex Fiat. “Basta col mercato del ricatto occupazionale”. Con queste durissime parole il capogruppo al comune di Termini Imerese e componente dell’assemblea nazionale di FDI, Giuseppe Di Blasi. ha attaccato la decisione del MISE di rinviare a data da destinarsi il tavolo tecnico con parti sociali, regione siciliana, comune di Termini Imerese e Blutec prevista il prossimo 7 febbraio. 

“La gente è stanca dei continui rinvii senza alcuna certezza occupazionale. Non si può vivere di speranza e cassa integrazione – secondo l’esponente di FDI – il governo e Blutec devono essere chiari con i siciliani. Meglio una notizia amara che restare in bilico tra speranze, sogni e continue delusioni. Ora basta!”

Per il consigliere comunale “ilterritorio sta subendo una eutanasia politica da parte del Governo di Roma e chi amministra, seppur con gravi difficoltà, le città non può stare a questo gioco”.

Fratelli d’Italia dice basta a rinvii immotivati: “Nessuno può condannare la gente a lasciare le proprie case per andare all’estero o morire di cassa integrazione e mancati sogni.