Al via la IX edizione dell’infiorata termitana

Tutto è pronto per IX edizione dell’Infiorata Termitana – che sarà presentata ufficialmente domenica 8 aprile, alle ore 11,  nella chiesa Maria Santissima della Misericordia a Termini
Imerese. Un evento imperdibile che impreziosisce il panorama siciliano e che quest’anno vanta l’annoveramento tra quelli del programma ufficiale di Palermo capitale della Cultura
2018.

Gli eventi all’interno dell’infiorata

Ricca la successione delle manifestazioni in scaletta che avranno come punto focale la Festa  dell’Infiorata domenica 6 maggio con l’apertura del corso infiorato ed il passaggio  processionale del SS. Crocifisso.  Numerosi gli altri eventi nel programma di questa edizione – avente per titolo e tema i “Santi e Sante di Dio” – tra i quali i “Ritratti di Santi” (a cura del Movimento Ecclesiale  Carmelitano, intitolato “La teologia dei Santi”), il Corteo storico per le vie cittadine, la Fiera  dell’Infiorata, le rassegne e gli spettacoli itineranti messi in campo dalle varie anime (gruppi  e comitati) che sono l’ossatura portante e vincente di una delle infiorate più importanti
dell’Isola.

Il recupero degli alimenti da parte di volontari

Quest’anno, inoltre, la manifestazione vede impegnati i propri volontari nel recupero degli  alimenti invenduti – donati da varie attività cittadine che operano nel settore alimentare e
nella produzione di pietanze che confluiranno, il 30 aprile, nella “Tavulata ri San Giuseppi”  aperta a tutti: una condivisione del cibo ed un piccolo esempio contro il generalizzato spreco
alimentare che assume una dimensione di preoccupante “trasparenza” – passandoci sotto gli  occhi senza che noi ne comprendiamo la gravità, tenuto conto che un terzo del cibo prodotto
annualmente per il consumo umano (circa 1,3 miliardi di tonnellate) va sprecato, mentre 795  milioni di persone soffrono la fame e 1,9 miliardi di adulti sono in sovrappeso (tra cui 600
milioni di obesi).

Le parole del cordinatore dell’infiorata, Salvatore Chierchiaro

“Il nucleo fondamentale della manifestazione – afferma Salvatore Chierchiaro, coordinatore
dei Maestri Infioratori di Termini Imerese – risiede nella forza partecipativa delle associazioni laicali e religiose della nostra città. Essa esprime la convinzione e l’orgoglio di  riscoprire la bellezza delle mille testimonianze vive della cultura del nostro territorio, nella  speranza di mostrarle ai visitatori e ai nostri concittadini attraverso le numerose attività  inserite nel programma di quest’anno”.