Hobby e sport a Termini Imerese, una festa per i 28 anni di calcetto dei termitani over 40

“Tutto ebbe inizio negli anni 90 con i tornei interforze di calcio, da allora non ci siamo più fermati sfidando anche il brutto tempo nel periodo invernale”.  Inizia così il racconto dei termitani appassionati di calcio che da ragazzi hanno condiviso insieme questo sport ed hanno continuato fino ad oggi,  festeggiando il 28° anno di calcetto insieme tra fuoriusciti per problemi
i fisici e  new entry. La giornata di festa è coincisa con il compleanno di uno del gruppo di amici, Giuseppe Barbagiovanni, che ha compiuto 52 anni e non sono pochi per questo tipo di sport.  Attorno a queste due squadre girano 22 giovani di ieri e di oggi, con tanta voglia di giocare ancora a calcetto con lo spirito del divertimento puro, tra questi troviamo Michele Longo, Giuseppe Barbagiovanni, Francesco Bartolone, Biagio Chiaramonte, Giovanni Baglieri, Marcello D’Amore, Michele D’Ambrogio, Melino La Mantia, Giuseppe Di Gaetano, Calogero Partito, Giorgio Alongi, Angelo Quagliata, Aldo Failla, Salvatore Bondi, Massimo Scavuzzo, Vincenzo Pagano, Rino Bennici, Salvatore Failla, Agostino Indovina, Gaetano Spicuzza.

Le dichiarazioni degli sportivi termitani

“Tanti anni fa ci pensava il collega Michele Longo a fare le telefonate dopo preso dai suoi tanti impegni la palladichiara Francesco Bartolone calcisticamente parlando la palla è passata al collega Giuseppe che con puntualità non perde un giorno la settimana senza calcio e per questo si è conquistato il titolo di presidente.
Quando si organizza la partita di calcetto continua Giuseppe Barbagiovanni ti rivolgi subito ai sei fedelissimi che sai che rinuncerebbero a tutto  pur di giocare, poi si va alla ricerca degli altri 16 colleghi e amici per arrivare  a 12 senza grosse difficoltà dietro un messaggio e una presa in giro su WhatsApp.
Un vero divertimento che non  perdo mai, perché mi aiuta a  staccare dagli impegni lavorativi commenta Biagio Chiaramonte- e tenermi in buona attività fisica, siamo una grande squadra. 
Michele Longo, ha aggiunto: “Tutti dicono che lo sport è salute…Io saluto spesso, ma a quanto pare non ho perso manco un grammo! Certo,  mi faccio influenzare facilmente dopo una bella sfida a ritrovarci felicemente in pizzeria. Belle partite piene di agonismo, litighiamo spesso in campo come se ci giocassimo la  Champions League, ma finito tutto ci ritroviamo a scherzare e ridere come se nulla fosse successo”. Veri  fuoriclasse i miei amici, gli over 40/50″, dice ancora Angelo Quagliata. “Ragazzi giovani e meno giovaniconclude Giovanni Baglierivorrei ricordare a questo meraviglioso gruppo che dobbiamo divertirci e stare insieme. Questo deve essere lo spirito,  questo mi sento di dover dire a tutti voi”.