Bagheria: abusava della figlia, arrestati padre e madre

La storia di violenza arriva da Bagheria. Anche questa volta, la vittima è una ragazzina costretta a subire violenza sin da quando aveva sette anni.

Una vita da incubo finita oggi, quando la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale di Termini lmerese, Stefania Gallì, a carico di due coniugi accusati di maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori. Il marito dovrà rispondere, anche di violenza sessuale aggravata.

Dagli abusi alla denuncia

La figlia a 18 anni presentò denuncia agli agenti del commissariato Bagheria. Ha raccontato che il padre sin da quando aveva sette anni l’ha costretta a denudarsi e ad avere rapporti con lei.
Alle violenze sessuali sarebbero seguite le percosse, i maltrattamenti e le minacce.  Per questo motivo è stata allontanata dalla famiglia e portata in una comunità protetta.
 La madre avrebbe tentato in tutti i modi di contattarla per farle ritirare la denuncia. Per questo l’avrebbe minacciata e perseguitata facendole più volte cambiare le proprie abitudini.

Adesso la giovane ha 21 anni e grazie alle indagini coordinate dal pm, Anna Domenica Gallucci, il suo incubo è finito.