Termini Imerese, presentazione del libro: “Francesca Serio – La Madre” di Franco Blandi

Verrà presentato domani 22 giugno alle ore 17:00 a Termini Imerese, il libro “Francesca Serio – la Madre” di Franco Blandi. Quest’ultimo racconta la storia di Francesca Serio, madre di Salvatore Carnevale, sindacalista di Sciara, ucciso dalla mafia nel 1955. Blandi ne da un’immagine differente ossia quella relativa alla figura vera e propria della madre. La presentazione avverrà presso la libreria “Punto 52” a Termini Imerese.

Chi è Franco Blandi ?

Franco Blandi, siciliano, si è laureato in Scienze dello Spettacolo e delle produzioni Multimediali con il massimo dei voti e la lode (Fotografia, cinema, teatro e televisione). E’ inoltre laureato in Scienze dell’Educazione e della Formazione e si è specializzato in informatica presso l’Università della Calabria. Esperto di arti visive e formazione, è stato docente di materie informatiche, tecnologie multimediali, fotografia e video. E’ direttore artistico della rassegna “Nebrodi in corto Doc”, per cortometraggi e immagini fotografiche sul tema della valorizzazione e salvaguardia dell’ambiente e su tematiche sociali. E’ presidente dell’Associazione URIOS, culture, arti, solidarietà. E’ stato componente della direzione artistica dell’AIFF (Acquedolci Independent Film Festival). E’ direttore artistico di Zyz – Annuario Fotografico Contemporaneo, promosso dall’Editore Navarra (Palermo).

Il libro

Salvatore Carnevale ha da sempre avuto l’attenzione di giornalisti, poeti e scrittori ma da qualche tempo la figura della madre, Francesca Serio sta avendo una certa notorietà anche grazie alla sua lotta dopo la morte del figlio. Dopo il libro di Orazio Mancuso, anche Franco Blandi racconta la figura della “Zzà Francisca”, e così come si legge sul sito dello stesso autore: “Tra diario intimista e fedele ricostruzione dei fatti, un racconto originale, in equilibrio tra fonti storiche e romanzo, che restituisce uno spaccato della storia delle lotte dei contadini in Sicilia contro lo strapotere padronale e mafioso ma soprattutto la dimensione più intima della vita di Salvatore Carnevale e Francesca Serio, madre coraggio, la cui storia merita di essere tramandata”.