Vitalizi, le senatrici termitane Campagna e Russo esultano su Facebook

Ieri per il popolo italiano è stato un gran giorno. La camera, ha approvato la delibera sul ricalcolo dei vitalizi degli ex parlamentari  da parte del presidente della Camera Roberto Fico. I voti totali raggiunti sono stati 11: nove da parte della maggioranza  (M5S e Lega) uno dal Pd e un altro da Fratelli D’Italia. I deputati di Forza Italia, invece, non si sono pronunciati. La decisione ufficiale arriverà a partire da gennaio 2019. Il senato avrà l’ultima parola: condividerà mai la stessa decisione?

L’ultima parola va al senato 

 “Sono certo che il Senato farà le sue valutazioni e sono convinto che arriverà alle stesse decisioni”, ha affermato Fico, Presidente della camera dei deputati. Ma questo non è tutto. Infatti, a finire sotto la trappola saranno solo le pensioni degli ex parlamentari che hanno fatto l’ultima legislatura alla Camera. Gli ultimi ritirati saranno esonerati dai tagli. Ma ciò, sarà sicuramente oggetto di ricorsi sicuri e immediati, che potrebbero mettere a rischio i risparmi promessi dalla delibera.

Le due senatrici termitane  festeggiano il grande giorno

“Oggi dimostriamo che tutto quello che ci dicevano che non si poteva fare si può fare. Abbiamo abolito i vitalizi e lo dedichiamo a tutte le vittime della legge Fornero”, esulta commosso di Maio tra la folla di Montecitorio .“Adesso il senato prenda esempio”, continua il leder del M5S.

Anche le due senatrici termitane, Antonella Campagna e Loredana Russo, festeggiano il lieto evento. Palloncini gialli e argentati, con scritto “Bye Bye vitalizi”, a fare da cornice a questo importante giorno dedicato agli italiani,ieri a Montecitorio.

“Oggi abbiamo scritto la storia: l’ufficio di presidenza della Camera ha dato il via libera all’intervento sulle indennità degli ex, parlamentari stabilendo che a partire da gennaio 2019 siano ricalcolati secondo il metodo contributivo, per un risparmio complessivo (di soldi dei cittadini) pari a circa 40 milioni di euro”, scrive fieramente e con un tono orgoglioso su facebook la senatrice Loredana Russo.

La senatrice Antonella Campagna risponde fiera del nuovo traguardo raggiunto :“Ieri è stato un gran giorno. Dopo tante battaglie finalmente  è stata cancellata quella che può essere considerata la più grande vergogna della Repubblica. Sono profondamente soddisfatta di questo risultato perché con una semplice riunione dell’Ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati siamo riusciti a cancellare questo odioso privilegio che i politici si erano dati legiferando in favore di loro stessi. Molti diranno che non sono cifre tali da cambiare l’assetto economico del Paese, si tratta di un risparmio di 60/70 milioni di euro, ma riuscite ad immaginare quanto potrà essere realizzato con questi soldi in un sistema caratterizzato da continui tagli alla scuola, alla sanità eccetera?
Adesso la battaglia si sposta da noi in Senato. La Presidente Casellati dovrà assumersi la responsabilità di portare a compimento il percorso di trasparenza e legalità avviato dalla Camera. Sarà dura, al Senato non abbiamo gli stessi numeri all’interno dell’ufficio di Presidenza, ma non arretreremo di un solo passo. È un atto dovuto nei confronti di quelle persone che a malapena riescono ad arrivare alla fine del mese, cito il Ministro Di Maio dedicando questa prima vittoria alle vittime della legge Fornero. E allora, credo che ieri il messaggio sia stato chiaro, si tratta di un messaggio di speranza ma soprattutto è la dimostrazione che quando ci si adopera con la volontà vera di fare il bene della collettività, si possono raggiungere obiettivi che per altri apparivano volutamente irraggiungibili”.