Grande successo per le notti bianche di Gangi e Petralia Soprana

Gangi e Petralia Soprana, un enorme successo per le notti bianche. Uno straordinario numero di persone, per lo più ragazzi, hanno invaso e popolato i corsi, i vicoli e le piazze dei due borghi più belli d’Italia durante le notti del 17 e del 18 agosto e nonostante tanti sono tornati tardi a casa, toccando le prime ore del mattino, pur avendo danzato tutta la notte divertendosi instancabilmente, da Gangi si sono poi spostati a Petralia Soprana, popolando in una maniera smisurata il piccolo paesino di 1147 m., riportando così un risultato inaspettatamente incredibile superando ogni tipo di previsione.

Durante la serata di Gangi, oltre agli spettacoli vari, ai bravissimi musicisti, artisti di strada, gruppi vari e dj, anche una interessante lezione di educazione stradale tenuta dalle forze di polizia di Palermo che hanno fatto delle simulazioni sullo stato d’ebbrezza ed illustrato le principali cause d’incidente a causa di una semplice distrazione come ad esempio, il più comune uso del cellulare riscontrando una notevole attenzione e gradimento. Utile soprattutto, in queste serate quando per il troppo coinvolgimento, si può anche perdere un po’ il controllo. Ci si deve infatti divertire sempre con sana intelligenza.

Grande successo di pubblico

Gangi in questi ultimi anni è sempre stato fra i primi posti per la numerosa numerosa partecipazione ed è stato sempre soddisfatto e ripagato del suo impegno. Anche Petralia sembra aver raggiunto quest’anno l’apice. Forse il programma è stato proprio azzeccato. La Pro Loco, nella figura del presidente Marinella Prestigiacomo, il vicepresidente Giuseppe Gulino e gli altri ragazzi del team, sembrano aver indovinato i gusti del vario pubblico pienamente attratto dal programma dell’evento. Gli artisti e i gruppi che sono hanno animato la serata sono stati: Tony il mago, Peppolone, Quinto accordo, Fataciumi, I Cicciuzzi, Waikiki eventi riscuotendo grande successo.

Il sindaco, l’amministrazione, pienamente soddisfatti, così come gli stessi abitanti che hanno visto il paese veramente vivere in ogni sua piccola via.

Le foto