Erano trenta le persone sedute nella strada dove l’uomo si è lanciato con l’auto con l’intento di uccidere. 
Una donna, Maria Napoli, è l’unica vittima della follia dell’uomo, mentre altre sette persone sono rimaste ferite, di cui uno dei quali si trova in prognosi riservata.
Un bambino di nove mesi, che in quel momento si trovava su un girello sfiorato dalla vettura, si è miracolosamente salvato. Il bambino poco prima dell’arrivo dell’auto, si trovava su un passeggino che è stato successivamente travolto dall’automobile.
I medici, per precauzione, hanno fatto trascorrere la notte al piccolo nel reparto di pediatria dell’ospedale Cannizzaro di Catania.

Tra i sette feriti nessuno si troverebbe in pericolo di vita. 

Il gesto volontario

“E’ stato certamente un gesto volontario –ha affermato il procuratore di Caltagirone. Ha travolto le famiglie dei vicini con l’auto e poi ha fatto marcia indietro cercando di colpire le persone. Lo stiamo cercando e lo assicureremo alla giustizia”.

Quando avrò chiara la dinamica dell’accaduto – aggiunge il magistrato – valuterò cosa contestare e non escludo il reato di tentativo di strage, perché poteva esserla”.