Termini Imerese: una mela per AISM

Sabato 7 e domenica 8 ottobre, la “Mela” di AISM torna in 5000 piazze italiane per la lotta alla sclerosi multipla. Anche a Termini Imerese, in piazza Duomo, dalle ore 9 alle ore 13, sarà possibile dare il proprio contributo grazie ai volontari AISM, Lions Club Termini Imerese Host, ARESS FABIOLA e F.I.D.A.P.A. che monteranno un apposito stand. La manifestazione raccoglierà fondi che verrano destinati alla ricerca scientificache investirà in importanti progetti per trovare la causa e la cura risolutiva per la sclerosi multipla e per implementare i servizi dedicati ai giovani colpiti dalla malattia.

Alla manifestazione in piazza “La Mela di AISM” è legata anche la possibilità di donare mandando un SMS al numero solidale 45512 del valore di 2 euro.

La sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una grave malattia del sistema nervoso centrale, cronica, imprevedibile e spesso invalidante. Si manifesta per lo più con disturbi del movimento, della vista e dell’equilibrio, seguendo un decorso diverso da persona a persona.

In Italia, ogni anno 3.400 persone vengono colpite, delle 118 mila persone con SM, il 10% sono bambini e il 50% sono giovani sotto i 40 anni.

Negli ultimi anni, la ricerca ha fatto molti progressi importanti: esistono terapie in grado di rallentare la progressione della malattia e di migliorare la qualità di vita delle persone, ma molto c’è ancora da fare come comprendere gli aspetti nascosti della SM, cercare nuove terapie, chiarire quali sono e come agiscono gli aspetti genetici, i fattori ambientali, quali molecole del nostro corpo sono coinvolte nei processi infiammatori della SM. E’ anche grazie a questa manifestazione, che AISM con la sua Fondazione (FISM), negli ultimi 10 anni, ha potuto investire oltre 65 milioni di euro, per importanti attività di ricerca sulla SM.

AISM organizza e offre progetti per giovani e donne con SM quali sportelli informativi e di orientamento, incontri di auto-aiuto in grado di rispondere a quesiti e problemi che si presentano nella loro quotidianità sanitaria, sociale e lavorativa e convegni sul territorio che garantiscono alle persone un costante dialogo con i ricercatori. Per i giovani con SM, AISM mette a disposizione un blog  in cui tutti possono “raccontarsi”, riconoscersi e “sentirsi a casa”.