Prima unione civile a Termini Imerese: le due donne intervistate da Himeraweb.it

Prima unione civile a Termini Imerese: le due donne intervistate da Himeraweb.it

Prima unione civile a Termini Imerese: le due donne intervistate da Himeraweb.it

È stata ufficializzata ieri pomeriggio dal consigliere Anna Maria Chiara la prima unione civile a Termini Imerese, clicca qui per la diretta.  Solo pochi giorni fa vi avevamo raccontato la storia di Rosalia e Salvatrice (per gli amici Caterina), del loro passato burrascoso e della loro storia d’amore contrastata, ma citando un celebre aforisma “l’amore vince su tutto“, e così è stato per le due donne che finalmente hanno coronato il loro amore anche dinnanzi la legge. Clicca qui per leggere la loro storia.

Il riconoscimento dei diritti

Nella “Cammera Picta – Sala La Barbera”, circondate dagli amici, ieri le due donne sono state finalmente unite civilmente. È stata una grande emozione per i presenti, ma anche per chi, da sempre, lotta per i propri diritti. Rosalia e Salvatrice, infatti, stanno insieme da 45 anni e più volte, trovandosi in situazioni difficili, si sono sentite definire estranee per la legge.
Grazie all’unione civile finalmente Rosalia potrà prendersi cura a tutti gli effetti della sua Salvatrice, così come ha sempre fatto, ma finalmente, con qualche diritto in più.
A seguito del rito nella sede storica del comune, le due donne hanno festeggiato la loro unione insieme agli amici presso il centro dell’associazione Amici di Via Navarra che ha offerto la festa grazie all’aiuto di alcuni gentili commercianti. 

La dichiarazione di Anna Maria Chiara

Un messaggio importante lo ha dato anche la consigliere Anna Maria Chiara con il suo discorso sui diritti dell’amore e dell’uguaglianza.
«Da donna, da consigliere comunale, da ufficiale dello stato civile del comune di Termini Imerese sono stata chiamata a celebrare questa prima unione civile -ha dichiarato Anna Maria Chiara -. Sono emozionata, ma al tempo stesso soddisfatta per essere stata scelta per celebrare questo rito che è il trionfo dell’amore. Dell’amore vero, sincero e spontaneo. Amore che rompe tutti i tabù ed i pregiudizi. Lo Stato italiano consente l’unione tra Rosalia e Caterina e quindi spazio all’amore a quello vero. Un sentimento così forte, così immutabile di fronte alle avversità della vita, ha bisogno di essere suggellato in questo rito civile.
Quindi viva l’amore, fatto di complicità, ma anche e sopratutto di sacrifici che segnano sempre e comunque, qualsiasi tipo di rapporto di coppia. Rosalia e Caterina sono due donne che hanno deciso liberamente, dopo tanti anni, di coronare il loro sogno d’amore. Una scelta che non può che essere rispettata ed ammirata. Hanno sfidato i chiacchiericci ed i pregiudizi.
Avete dalla vostra parte un sentimento forte, fortissimo che vi ha dato la carica per fare questa scelta. Che bisogno c’era per conclamare questo affetto e legittimarlo in questa sede si chiederanno in tanti ? Poco importa! L’importante è che questo sentimento che vi ha portato qui oggi sia duraturo e possa accompagnarvi negli anni futuri -ha concluso-. E quindi auguri a voi e al vostro bellissimo e vero sentimento! Viva l’amore».

L’intervista video





Mariangela Balsamo

leave a comment