L’assessorato regionale alla Salute smentisce l’uscita dell’ospedale Giglio dalla rete dell’infarto

A seguito dell’allarme lanciato dal primario di cardiologia dell’ospedale Giglio di Cefalù, oggi è intervenuto l’assessorato regionale per la Salute. 
Ieri infatti, il primario di cardiologia aveva annunciato l’uscita dalla rete regionale per l’infarto. La decisione dell’esclusione dalla nuova mappa delle urgenze ha subito scatenato delle pesanti polemiche.
Di seguito la replica dell’assessore regionale alla salute.

La replica dell’assessore regionale alla Salute

“Non corrisponde al vero che l’ospedale Giglio di Cefalù sia stato escluso dalla rete dell’infarto. E neppure corrisponde al vero che la decisione, già adottata in sede tecnica dalla Direzione Pianificazione Strategica, di prevedere un centro spoke possa produrre danni ai cittadini’”.

Lo precisa una nota dell’assessorato regionale per la Salute in merito alla notizia dell’uscita dalla rete regionale per l’infarto dell’ospedale Giglio di Cefalù.

“Va a questo proposito ricordato che le reti ictus, infarto e politrauma – osservano dall’assessorato regionale – sono in fase di revisione e che il documento cui si fa riferimento nella dichiarazione rilasciata dal primario dell’Ospedale Giglio è quello redatto a corredo della rete vigente (D.A. 629/17).
Proprio perché in fase di revisione – conclude la nota – la previsione delle nuove reti tempo dipendenti, per le quali è stata chiesta la designazione dei nuovi tavoli tecnici già la scorsa settimana, potrà essere il luogo in cui valutare la bontà delle scelte che erano state fatte nel passato e che ad oggi non sono ancora operative”.