Siglato all’ospedale “S.Cimino” di Termini Imerese il protocollo d’intesa “Rete contro le violenze di genere”

Siglato all’ospedale “S.Cimino” di Termini Imerese il protocollo d’intesa “Rete contro le violenze di genere”

Siglato all’ospedale “S.Cimino” di Termini Imerese il protocollo d’intesa “Rete contro le violenze di genere”

Lo scorso 23 novembre nella sala conferenze del presidio ospedaliero “Salvatore Cimino” di Termini Imerese è stato sottoscritto il protocollo d’intesa “Rete contro la violenza di genere”. La firma del protocollo rafforza la “rete” già avviata dal 2014 e di cui fanno già parte diversi soggetti istituzionali tra cui forze dell’ordine, servizi sociali e sanitari, università, associazioni.

“La sottoscrizione e la partecipazione alla rete antiviolenza è un atto importante – ha riferito il direttore del nosocomio termitano, Giuseppe Canzone – ed è indispensabile che argomenti così delicati, come la violenza subita dalle donne spesso in ambienti familiari, vengano affrontati in sinergia e lavorando in rete”.

Il protocollo d’intesa

Il protocollo della “Rete antiviolenza” è stato promosso dalla Cooperativa Sociale Nuova Generazione presieduta dalla D.ssa Laura Rotolo, ente che da anni opera nel settore con centri d’ascolto e case rifugio ad indirizzo segreto. Il Presidente ritiene obiettivo significativo e rilevante , la definizione di un percorso omogeneo di accoglienza e gestione delle persone adulte vittime di violenza di genere, interconnesso con tutti gli altri partners componenti la rete.
Il Presidio Ospedaliero “Salvatore Cimino ” di Termini Imerese, nel dare la propria adesione al protocollo per la costituzione di una rete contro la violenza di genere, promosso da Cooperativa Sociale “Nuova Generazione” siglato in data 14.03.2014 con gli enti indicati in frontespizio.

Il presidio ospedaliero “Salvatore Cimino” di Termini Imerese si impegna ad elaborare ed applicare una specifica procedura per l’accoglienza e la presa in carico di donne vittime di maltrattamenti e/o violenze sessuali, costituire un gruppo di lavoro composto da referenti, personale medico e infermieristico di ciascuna delle Unità Operative interessate (Ostetricia e Ginecologia, Medicina di Accettazione e d’Urgenza), sviluppare e migliorare attraverso specifici corsi di formazione le competenze di operatori sanitari particolarmente motivati e sensibili alle tematiche inerenti il maltrattamento e la violenza sessuale, attivare un “percorso assistenziale” inerente la “presa in carico” della persona che ha subìto il maltrattamento e/o la violenza sessuale, diventando polo di sperimentazione per la suddetta procedura che gli operatori sanitari adotteranno sia all’interno dell’Azienda che nell’ambito della Rete antiviolenza della città di Termini Imerese.



redazione

leave a comment