Porto Termini Imerese: avviati i lavori per la realizzazione dei varchi

Avviata al porto di Termini Imerese la realizzazione di infrastrutture e impianti necessari all’attuazione del Port Facility Security Plan, finanziata con quasi quattro milioni e mezzo di fondi Stato-Regioni. La notizia è stata già annunciata lo scorso mese di dicembre nel corso della conferenza stampa promossa dall’amministrazione comunale, in presenza del presidente dell’Autorità Portuale di sistema della Sicilia Occidentale, Pasqualino Monti. 

«Termini Imerese – ha detto Monti nel corso della conferenza stampa – deve raccontare se stessa in maniera diversa rispetto al passato. E per far questo è necessario partire da una riqualificazione dell’offerta portuale per dimostrare al mercato affidabilità, efficienza e rapidità nel raggiungere gli obiettivi. Di certo non riceverà il traffico scartato da Palermo: crediamo molto nel porto termitano e nella sua capacità di trasformare l’economia della città che paga ancora, a livello occupazionale, l’abbandono della Fiat. Termini Imerese, fondamentale nodo viario, è un porto che può dire tanto in termini di traffico, sia merci che passeggeri, ma non ha i fondali adeguati. Serviranno almeno tre anniha concluso Monti perché il porto di Termini cambi pelle e sia pronto a ricevere un traffico, passeggeri e merci, in grado di creare ricchezza». 

Per il sindaco di Termini Imerese, Francesco Giunta, «l’avvio dei lavori di messa in sicurezza dell’area portuale, così come anticipato dal presidente Monti nel corso della conferenza stampa dello scorso 14 dicembre fa ben sperare che il cronoprogramma presentato venga rispettato e che, entro i prossimi tre anni le infrastrutture previste vengano completate. Così come lo scorso anno nel corso di un tavolo tecnico convocato da sua eccellenza il Prefetto di Palermo, nel corso del quale è emersa la necessità di dare priorità ai  lavori di messa in sicurezza dell’area portuale al fine di consentire l’incremento del traffico passeggeri e commerciale del nostro porto – ha aggiunto il primo cittadino -. Il presidente Monti fino ad ora ha mantenuto gli impegni, l’amministrazione comunale, continuerà a vigilare affinché vengano rispettati i tempi e soprattutto affinché il porto non si trasformi in un’area ove destinare il traffico che Palermo non desidera. Pretenderemo pari dignità nelle scelte, negli investimenti e nel percorso di sviluppo che l’autorità di sistema intende realizzare».